domenica 12 aprile 2009

Biscotti al Tarassaco




Meditavo di fare questi biscotti da non so piu' quanto tempo ormai. Avevo visto la ricetta pubblicata da Terry e mi aveva subito incuriosito...
E cosi' ho approfittato di questa manciata di giorni trascorsi a casa dei miei per le feste pasquali, ed in particolare di quest'unica giornata di quasi sole, per prendere sotto braccio A. e un piccolo canestro e andare, tipo Cappuccetto Rosso e Lupo, alla ricerca dei fiorellini che mi servivano.
C'e' chi lo chiama Dente di leone, chi Soffione, Zicoria burda qui da noi, Brusa oci in Veneto, Piscialetto o Ingrassaporci per i Toscani, Pisciacane in Umbria e la lista e' ancora lunga; questo tanto per dire quanto il fiore di Tarassaco sia comune un po' ovunque nelle nostre campagne. Mamma generalmente nel periodo precedente la fioritura ne coglie le foglie, le lessa e ne fa un'insalata dal gusto amaro che condisce semplicemente con olio e aceto ed e' in assoluto tra le mie preferite; e ho pure scoperto che i boccioli dei fiori si possono metteresott'aceto tipo i capperi...
Ad ogni modo, vincendo le diffidenze familiari, ho preparato i biscotti e devo dire che li ho graditi moltissimo!Non sono particolarmente dolci e hanno un certo saporino che ricorda il polline. E no, non sono riusciti a sciogliere del tutto le diffidenze ma in compenso hanno creato cosi' tantacuriosita' che li ha assaggiati persino mio fratello; e si' che in cucina siamo acerrimi nemici.


Ammetto che non saranno i biscotti al Tarassaco a fare da calumet della pace....






Ho modificato un pochino la ricetta di Terry, un po' nelle dosi, un po' rispetto agli ingredienti di cui disponevo in casa; ma rifacendoli credo riutilizzerei ancora il muesli al posto dei fiocchi d'avena. Oppure provare ad usare il miele di castagno al posto del millefiori aggiungendo una bella manciata di frutta secca...Beh, potro' pensarci fino al prossimo sole!
Quasi dimenticavo....Buona Pasqua a tutti! :)









(per circa 30 biscotti)


  • 200 g di farina lievitante (o mezza bustina di lievito)
  • 100 g di fiocchi d'avena o muesli
  • 130 g di miele di millefiori
  • 100 ml di olio di semi
  • 20 fiori di Tarassaco circa
  • la scorza di un limone (o, come suggerito da Terry, dell'estratto liquido di vaniglia)
  • 2 uova


Lavate delicatamente i fiori e poggiateli su un canovaccio ad asciugare.
Intanto in una ciotola sbattete brevemente le uova, il miele liquido e l'olio; quindi la scorza del limone e i petali del Tarassaco, scegliendone solo quelli gialli e scartando i verdi piu' esterni.
Unite in ultimo la farina lievitante e i fiocchi d'avena. L'impasto deve avere una consistenza tale da poterlo disporre sulla teglia (infarinata o coperta da un foglio di carta forno) a cucchiaiate:casomai dovesse risultare troppo denso, potete aggiungere 1 o 2 cucchiai di latte. State attente a disporre i biscotti sufficientemente distanti tra loro in modo da impedire che si "saldino"in cottura.


Fate cuocere in forno gia' caldo a 160-170 gradi per 15-20 minuti o fino a quando si saranno dorati.
Fateli poi raffreddare su una gratella.

5 commenti:

Anonimo ha detto...

Bene, ho appena mangiato il quarto ed ultimo biscotto che mi è stato gentilmente offerto dalla nostra gentile Zinzonzan ed ora mi sento abbastanza pronto per un veloce commento, questa volta finalmente a ragion veduta..
Una piccola premessa per delineare al meglio il mio stato d'animo al momento dell'assaggio: dopo aver ricevuto alcune informazioni confidenziali dal buon A., mi son premunito di registrare il numero di telefono del pronto soccorso come primo numero nelle chiamate rapide del mio cellulare, perchè si sà, non si sà mai..
Ma devo ammettere di non aver assolutamente avuto bisogno di utilizzarlo, perchè i biscotti non solo non hanno tentato di uccidermi, ma sono invece riusciti ad affascinarmi, e tanto!
Innanzitutto nonostante l'aspetto (molto gradevole anche questo,pensa, forse ancor più senza lo zucchero a velo:)) mi lasciasse in un primo momento pensare ad un biscotto "duro", mi sono velocemente ricreduto ed ho apprezzato la morbidezza che il biscotto nasconde sotto una scorza da duro, ancor di più associata ai piccoli nuclei più duri che immagino essere il muesli..
Il sapore non è particolarmente dolce, richiama forse il sapore dei fiori o forse del miele, un sapore che non sò ben definire, però assolutamente gradevole, anche accoppiato al mio fedele thè al limone delle 17..
Un biscotto non facile, diverso dai soliti eccessivamente dolci (che non amo particolarmente) biscotti di massa, un biscotto che necessita attenzione durante l'assaggio, perchè se mangiato sovrapensiero non rende il suo vero sapore in tutta la sua potenzialità, ma con una minima concentrazione nell'atto del gustarlo, diventa coinvolgente e più facile da apprezzare.
Insomma, un buon biscotto per occasioni particolari! :D
Forse lo vedrei bene associato ad un liquorino alle erbe, mmmm..
Bene, dopo aver scritto un commento più lungo del post, mi scuso di questo e saluto la gentile zinzonzan sperando che posti presto nuove ricette e soprattutto che ci siano ancor più presto nuove occasioni di provarle di persona.. :D
Chiudo col solito saluto al coraggioso assaggiatore ufficiale A., siamo sempre tutti con te..
Un abbraccio,
Massi

zinzonzan ha detto...

Ahahah....Grazie "Anonimo"!Credo che un assaggiatore professionista non avrebbe saputo far meglio! :)
Son contenta che i biscotti si siano dimostrati magnanimi e magnabili con te.
..Magari porei pure lavorare sul liquorino alle erbe... :)

Un grosso bacio!!

Anonimo ha detto...

In effetti rileggendomi mi son accorto di essermi un pò fatto prendere la mano, devo smetterla di guardare programmi di cuochi e critica culinaria su sky..ehe :D
avanti con la prossima e se vuoi cimentarti con i liquorini alle erbe sai che troverai in me un valido alleato!
ma niente infusi alla cicuta of course... :D
sempre massi..

Sere ha detto...

felicissima di aver incontrato il tuo blog sul mio cammino.... ti ho subito aggiunta al reader!
A presto..
Sere

zinzonzan ha detto...

Massi:

Che ne dici di un liquore "Mon Amour"? Dai promettenti effetti afrodisiaci ed energizzanti... ;)

Sere:

E' un piacere anche per me!
E' sempre bello avere compagni di viaggio.. :)